Torna su

Progetto 1

IL PROGETTO DELLA STATUA MONUMENTALE DI SAN NICOLA PER LA PACE

E’ il primo dei tre progetti dell’associazione:
realizzazione a Bari di una statua colossale (circa 70 metri) in onore di San Nicola per la Pace, sul prototipo del Cristo di Rio de Janeiro o della Statua della libertà di New York, quale simbolo identitario e culturale.

Gli scopi dell'iniziativa sono:

- valorizzare il ruolo della Città di Bari, quale centro ecumenico e di pacificazione dei popoli nel nome di San Nicola;

- dotare la Città di Bari e l'intera Regione Puglia di un attrattore turistico economico di rilevanza planetaria, come motore di sviluppo autogeno;

- riqualificare l'intera zona circostante l'area individuata dal Demanio come sito per l'allocazione della Statua, comprendente l'area intorno allo stadio della Vittoria , alla Fiera del Levante ecc.,e i contenitori già presenti (Archivio di Stato, cittadella delle cultura, archeologie industriali, etc.).

La statua sarà:
  1. simbolo di pace universale;
  2. a costo zero per la collettività, perché fatta con il crowdfunding internazionale privato, grazie alla vendita di targhe da porre sul basamento con il nome della persona o dell'impresa acquirente;
  3. attrattore turistico-economico;
  4. costruita con materiali della Puglia e con la partecipazione di imprese pugliesi, occasione di rilancio occupazionale;
  5. elemento di riqualificazione del quartiere Libertà a vocazione culturale;
  6. catalizzatore mediatico sul brand identitario nicolaiano di Bari;
  7. occasione di creare reti di partecipazione civica tra associazioni, parrocchie, chiese, località e devoti del Santo in Puglia, in Italia e nel mondo.
Il comitato tecnico scientifico ha individuato, allo stato per mera ipotesi, il sito del Varco delle Vittorie subito all’ingresso dell’area portuale di Bari, di proprietà demaniale, nonché le caratteristiche architettoniche e artistiche indispensabili (LINK bando per il concorso di idee sul bozzetto della statua monumentale di San Nicola)

Progetto 2

IL RICONOSCIMENTO UNESCO PER LA BASILICA NICOLAIANA DI BARI E PER IL CORTEO STORICO DELLA TRASLAZIONE

Il secondo progetto dell’Associazione consiste nel promuovere e coadiuvare il Comune di Bari, la basilica pontificia di San Nicola e le altre Istituzioni coinvolte, nella redazione di un Dossier storico-giuridico intitolato “San Nicola chiama UNESCO” per avviare la procedura di istanza di riconoscimento da parte dell’UNESCO della basilica pontificia di San Nicola di Bari quale patrimonio materiale dell’Umanità, nonché del Corteo storico della traslazione delle reliquie del Santo da Myra a Bari, quale patrimonio immateriale dell’Umanità.

Bari non ha mai presentato istanza all’UNESCO per questo suo grande patrimonio materiale e immateriale legato al Santo conosciuto e venerato in ben 100 Stati del mondo. Mentre altri monumenti con meno storia e meno rinomanza internazionale hanno da tempo ottenuto l’ambito riconoscimento, il capoluogo pugliese non si è mai attivato in tal senso. Ora occorre porre mano a quello che costituisrebbe anche un grande volano turistico-economico per Bari e per la Puglia (in Puglia ci sono 14 Comuni oltre Bari sotto il patronato di San Nicola, la Puglia e tutto il Mezzogiorno ospitano centinaia di chiese dedicate al Santo)

Progetto 3

Realizzazione del parco tematico St Nicholas World dedicato a Santa Claus/Father Christmas quale attrattore turistico e volano economico per Bari e per l'intera Regione Puglia.

SAN NICOLA è CONOSCIUTO NEL MONDO COME PORTATORE DI DONI AI BAMBINI il 6 dicembre NEL PERIODO NATALIZIO, con i nomi di Santa Claus, St Nicholas, Babbo Natale, Father Christmas.
San Nicola e Santa Claus sono più famosi del Beatles e vantano milioni di fedeli e fan nel mondo.
Già nel 2005 la Regione Puglia commissionò al Politecnico di Bari la progettazione di un villaggio di Santa Claus.
L’associazione Una statua per San Nicola ritiene di stimolare gli Enti pubblici e privati affinché tale idea si trasformi in una realtà turistica capace di destagionalizzare il turismo verso Bari e la Puglia orientandolo anche nel periodo invernale, come già fatto con enorme successo da Rovaniemi in Lapponia o negli States dalla Coca Cola Company con Babbo Natale, alter ego consumistico di St Nicholas.
Dopo la presentazione del progetto dell’Associazione Una statua per San Nicola, l’attuale governo regionale ha inserito tale idea nelle richieste di finanziamento tramite Recovery Plan.